Vuoi fare un percorso attraverso il Llano del Real?

Torres de Serranos de Valencia

¡Benvenuti a Valencia!

Vi invitiamo a fare una passeggiata lungo la riva nor del vechio canale del fiume Turia per conoscere il Llano del Real.
In questo percorso goderemo di Valencia attraverso la sua storia e arte, percorrendo l’argine nord che dette origine alla città.

¿Sapevi che…

… nel tratto del canale del rio Turia che va del ponte de Serranos fino al ponte della Trinidad si celebró una bataglia navale?
Nel 1755 in occasione della celebrazione delle feste dedicate a San Vicente Ferrer nel terzo centenario della sua canonizzazione, si contenne il fiume tra i ponti (si tapparono gli archi) allagando il tratto di rio e si rapresentó una naumachia o bataglia navale con barche fabbricate apposta per l’evento. Come armi si utilizzarono petardi e proiettili di fiori (vegetali).
Il ponte della Trinidad divenne un grande palco da dove le autorità potevano vedere lo spettacolo.

Il tratto dal ponte della Trinidad fino a quello del Real ci porta a conoscere il Museo delle Belle Arti di Valencia uno dei piu belli della città e la seconda galleria d’arte piu importante in Spagna seconda solo dietro il museo del Prado collocato nel collegio seminario San Pio V.

La visita inizia sotto la cupola ristrutturata della vechia chiesa del collegio; é un posto che fà sentire bene il visitante, preparandolo percio che arriverá

Plaza de la Virgen de Valencia

 

Inizia la magia dell’arte

Cominciamo con l’arte gotico dei chiamati primitivos valencianos in una collezione di retabili (pale di altare) che ci conducono fino al Rinascimento e che ospita non solo opere di laboratori e artisti valenziani, ma anche di altri grandi come nel caso del Triptico della passione, del Bosco.

In seguito continueremo viaggiando attraverso la storia dell’arte per assaporare le opere classiche e apprezzare i cambi introdotti da autori come José de Rivera (L’espagnoletto), il Greco, Velazquez, Goya e tanti altri per poi arrivare a conoscere la evoluzione di Joaquin Sorolla il grande pittore valenziano che seppe plasmare con enorme padronanza la luce del Mediterraneo.

L’architettura rinascimentale é rappresentata del patio dell’ambasciatore Geronimo Vich riconstruito nel museo con pezzi di marmol originali che si trovano dispersi nei vari luoghi della città.

Riguardo invece alla scultura, si evidenziano opere come quelle di Mariano Benlliure grande amico di Sorolla.

Jardines de Viveros de Valencia

Continuiamo a piedi attraverso i giardini valenciani

Para assimilare tanta bellezza, ci possiamo rilassare passeggiando per i giardini di Viveros chiamati anche giardini del Real, dato che appartenevono all’antico Palazzo Reale. La sua origine risale alla Valenzia mussulmana, epoca nel quale i sultani si fecero costruire una almunia (simile al Generalife di Granada) che i successivi re hanno mantenuto e ingrandito. Iol palazzo fù distrutto all inizio del secolo XIX prima dell’arrivo dei francesi.

Un poco piú avanti arriviamo al romantico giardino di Monforte origilalmente un antico orto; questo in passato era la periferia della città mentre ora costituisce un autentico oasi di pace in mezzo alla agitata vita urbana.
Molte coppie scelgono per la sua bellezza questi giardini come palcoscenico per le foto dei loro matrimoni.

Quello giardino di Monforte é stato dichiarato Giardino Artistico Naczionale nel 1941 grazie a una proposta di Xavier Winthuysen giardiniere sivigliano della generazione del ventisette; la restrutturazione la completò il giardiniere maggiore del comune Ramon Peris.

¿Sapevi che …

… nel 1864 il senatore a vita del regno Juan Bautista Romero marchese di san Juan e proprietario del giardino che inseguito ereditarà il marchese di Monforte, comprò le sculture dei due leoni che avevano rifutato collocare nella porta del Congresso per le sue misure ridotte?
Il marchese di San Juan comprò nei magazzini del Congresso per 3.500 pesetas dell’epoca per collocare all’entrata del giardino.

Finiamo questa passegiata ritornando al centro della città vecchia.
Passando il ponte del Real ci rincontriamo con una bella panoramica della zona con il Miguelete in fondo e la chiesa del Temple in primo piano come punti di riferimento in questo cammino di ritorno.

Confidiamo che vi sia piaciuta la passeggiata e se vuoi sapere più cose su Valencia contatta con noi.
Amalia

Amalia en el Palmar junto a Jaume

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.